Galleria d'arte antica "Principessa Sissi"®
Via Gemona 10\12
33100 Udine (Italia, Italien, Italy), tel.+39 0432 229741, +39 3482325219

(Registro imprese Udine UD-237375, P.I.02124260304)


LINKS /LETTERATURA CONSIGLIATAPRIMA PAGINACHI E DOVE SIAMOCONTATTO\
RICH.NOTIZIE
GALLERIA  
LINKS /LITERATUREHOME PAGEWHO AND
WHERE WE ARE
CONTACT\
INFORMATION
ALL IMAGES
 

--> IMPORTANTE: Per richiedere prezzo o informazioni su quest'opera, clicca la casella rossa CONTATTO\RICH.NOTIZIE subito qui sopra. Si aprirà automaticamente la mail per noi a info@principessasissi.it

Vienna  1800-1810 c.a, primo impero, verosimilmente bottega di Johann Härle maestro in Vienna.  Importante secretaire dal rilievo museale "a piramide" (la forma è ispirata alle piramidi egizie a gradoni). Monumentale opera del primo impero in condizioni di pratica integrità ed in prima patina, con magistrale finitura a gommalacca applicata a tampone con tecnica di standard museale. Di committenza originale alto nobiliare dell'impero d'Austria, come certificato da iscrizioni ed etichette dell'epoca applicate dell'originario casato primo proprietario e committente dell'opera. I secretaire impero a piramide  furono realizzati quasi esclusivamente nelle due capitali (austriaca - Vienna  e Berlino - prussiana);  ma le perfette proporzioni,  l'eleganza,  la morbidezza, l'utilizzo del tasso come essenza principale anziche del mogano, le decorazioni in legno scolpito e dorato a foglia anzichè del bronzo dorato a fuoco, fanno chiaramente propendere per l'origine viennese. Ciò anche se il motivo decorativo del semicerchio nell'alzata possono richiamare all'alta ebanisteria Berlinese. Vi sono delle affinità in particolari tecnici e nei motivi decorativi con i lavori del grande ebanista viennese  Johann Härle, del quale sono conservate due importanti opere al Museo delle arti applicate di Vienna. L'opera è lastronata interamente nella rara e preziosa essenza dell'arbusto del tasso. Quest'essenza  era utilizzata più frequentemente per i soli intarsi negli interni. L'utilizzo su tutta la superficie esterna del mobile ne testimonia la committenza elevata e la funzione rappresentativa . L'interno, che vanta 4 diversi vani segreti con un  totale di 12 cassettini nascosti (oltre ovviamente ai visibili) è finemente lastronato e intarsiato nelle preziose essenze della tuja, della piuma di noce biondo, della piuma di ciliegio, della radica di noce, della radica di pioppo. Filettature in legno d'acero e acero tinto. Particolari ebanizzati. Corpo dei cassetti interni in essenze d'acero e quercia. Motivi ad acanti e palmette scolpiti e dorati a foglia nell'alzata. Motivi a losanghe ebanizzate. Colonne laterali con vestali dalle braccia conserte scolpite e dorate a foglia con dettagli in lacca antico verde. Teste d'uomo contrapposte e divergenti scolpite e laccate in antico verde che poggiano su grifoni scolpiti e dorati a foglia (anche simbolo araldico della casata committente. Tutte le lacche e le dorature sono originali, bocchette, pomello a testa leonina, serrature funzionanti sono anche originali. I piedi sono originali e quella lieve differenza cromatica nel fronte delle stesse è un voluto effetto decorativo che richiama alla tonalità del piano di scrittura, lastronato nei bordi in tuja appunto  più chiara.Schienali e fondi originali. Patina, segni d'uso e d'antichità coerenti con l'epoca. Misura cm. 208 d'altezza, 110,5 di larghezza, profondità 50 - 86,5 chiuso /aperto.                   
















Altre foto di quest'opera