Galleria d'arte antica "Principessa Sissi"®
Via
Gemona 10\12
33100 Udine (Italia, Italien, Italy), tel.+39 0432 229741, +39 3482325219

(Registro imprese Udine UD -237375, P.IVA IT 02124260304)


LINKS /LETTERATURA CONSIGLIATAPRIMA PAGINACHI E DOVE SIAMO CONTATTO\
RICH.NOTIZIE
GALLERIA  
LINKS /BOOKSHOME PAGEWHO AND
WHERE WE ARE
CONTACT\
INFORMATION
ALL IMAGES

--> IMPORTANTE: Per richiedere prezzo o informazioni su quest'opera, clicca la casella rossa CONTATTO\RICH.NOTIZIE subito qui sopra. Si aprirà automaticamente la mail per noi a info@principessasissi.it

  Dominik Biemann Boemia del nord, monti dei Giganti, 1830 c.a, Harrachsdorf (Harrachov) o Franzensbad (Frantiskove lazne).  Periodo biedermeier. Eccezionale calice con coperchio in perfette condizioni di conservazione attribuito al grande Dominik Biemann, opera realizzata per commemorare la grande battaglia dei Tre Imperatori, Austerlitz (attuale Slavkov, in Moravia nei pressi della città di Brno - c.a 100 km. a nord di Vienna).   Straordinaria la qualità dell'incisione. Mirabile la rappresentazione dei dettagli.  Evidente la mano del grande maestro, che non è stato mai eguagliato da nessuno nell'arte dell'incisione del vetro in nessun paese del mondo ed in nessun epoca.  Quest'opera è circoscrivibile al periodo della sua vita dal 1826 al 1935, quando grazie all'amicia con un altro grande maestro dell'epoca, Anton Heinrich Mattoni, si trasferì nelle località boeme termali (in particolare Franzenbad, attuale Frantiskové Lazne). ove entrò in contratto con il "bel mondo" e l'aristocrazia dell'epoca, raggiungendo fortuna e successo.   L'opera presenta tre lati, in ognuno dei quali vi è raffigurato uno dei tre imperatori belligeranti: Napoleone I per la Francia, Francesco I Kaiser dell'Austria e Alessandro I zar di Russia. Nella parte superiore i simboli dei tre imperi da essi rappresentati, frapposti alle effigi della battaglia (cannoni, acanti, lancie ecc.).Circa l'attribuzione di questa rara e splendida opera, si rileva che ritratti busto di imperatori furono realizzati da diversi grandi maestri boemi dell'epoca Biedermeier; nello specifico oltre a Dominik Biemann, vi sono opere giunte fino a noi di altri grandi maestri boemi, quali Franz Hansel (pubblicata da Baumgaertner nel 1988), Emanuel Hoffman (Brozova 1978 n.60), Franz Anton Pelikan ed infine August Bohm (Glasgravueren des Biedermeier di Paul Von Liechtenberg pag. 204 ed altre opere al Museo della Tecnica a Vienna). L'attribuzione a  Dominik Biemann è sicuramente la più probabile considerato la qualità, i dettagli della molatura, il soggetto e la forma dell'opera (vedi ad esempio i tipici motivi decorativi  minori a rosette molate simmetriche, presenti spesso nelle opere di Biemann). Il calice è in perfette condizioni di conservazione ed è privo di restauri.   Misura cm. 33, larg. 11.     

La battaglia di Austerlitz, detta anche battaglia dei tre imperatori (perché furono presenti sul campo Napoleone Bonaparte, imperatore dei francesi, lo zar Alessandro I di Russia e l'imperatore del Sacro Romano Impero Francesco I), fu l'ultima e decisiva battaglia svoltasi durante la guerra della terza coalizione. Fu combattuta il 2 dicembre 1805 nei pressi della cittadina di Austerlitz (l'attuale comune di Slavkov u Brna nella Repubblica Ceca, nelle vicinanze di Brno) tra la Grande Armée francese composta da circa 73.000 uomini comandati dall'imperatore ed un'armata congiunta, formata da russi e austriaci, composta da oltre 85.000 uomini, comandata dal generale russo Michail Kutuzov, con la collaborazione del generale austriaco Franz von Weyrother. La battaglia, conclusasi con una schiacciante vittoria dei francesi, per l'abilità tattica e strategica dimostrata e per i risultati raggiunti, rappresenta il più grande successo conseguito da Napoleone nella sua carriera militare. Nel tempo assunse una statura quasi mitica nell'epopea napoleonica.   

Dominik Bimann (o Biemann ) (nato il 1 ° aprile. 1800 a Neuwald ( Neuwelt) presso Harrachsdorf , morto il 29 settembre. 1858 a Eger ora Cheb) è stato il miglior intagliatore del vetro mai vissuto. Ha continuato la tradizione familiare della lavorazione del vetro e imparando la tecnica e l'arte dal grande Franz Pohl. Dopo aver frequentato la scuola d'arte studiò anatomia a Praga dal 1826 al 1829 all'accademia delle belle arti. Ciò spiega la sua predilezione per i busti e le figure umane il più possibile espressive. Successivamente iniziò la sua attività proprio a Praga. Mentre inizialmente lavorò su alcuni semplici bicchieri di cristallo e tazze, cominciò a poco a poco a ricevere da committenze elevate appalti di lavori complessi, come ad esempio un ritratto di Goethe, suo amico e di Caspar Graf von Sternberg, membro dell'alta nobiltà Boema. Mentre l'economia dell'epoca era in crescita e approfittandone, Bimann si trasferì del 1829 nel mesi estivi Franzensbad ove avevano sede alcune delle prestigiose manifatture boeme del vetro. Ivi lavorò per i clienti aristocratici delle terme e per la monarchia realizzando prevalentemente ritratti su vetro. Si spostò in seguito a Vienna e Berlino per conoscere gli ultimi sviluppi e le tendenze artistiche. Bimann fu un vero artista dell'epoca Biedermeier. Infatti fu profondamente radicato agli usi, costumi e gusti della sua epoca. Quando nel 1855 la moda cominciò a cambiare e le sue fortune d'artista insieme al mondo completamente diverso nel quale visse svanirono causa il diffondersi della rivoluzione industriale, probabilmente colto dalla disperazione, tentò il suicidio. Per le conseguenze di tale tentativo morì tre anni dopo.

  Letteratura: Kurt Pitrrof, Dominik Biemann, Bohmischer Glasgraeur des Biedermeier Anorldosche (Germania). Das Boemische Glas Band II. Passauer Glasmuseum. Brosova Buqouy, Spiegl.  Gustav Pazaurek-Eugen von Philippovich, Glaeser der Empir und Biedermeierzeit, Klinkhardt Braunscheig. Pezatova Zuzana; Broch Jndrich Title: Bohemian Engraved Glass.  Feltham, Hamlyn, 1968. Paul von Lichtenberg, Glasgravuren  Biedermeier    

Dominik Biemann al Metropolitan Museum. Clicca su questa scritta.